Annamaria Pacilio è dottoranda in Scienze Filosofiche presso l’Università “Federico II” di Napoli. Le sue ricerche si propongono di collimare l’interesse per la filosofia antica, in particolare con l’approccio teoretico ai Presocratici, a Platone e ad Aristotele, con un’analisi dei più attuali mutamenti nei concetti paradigmatici essere, divenire, tempo e spazio, intesi nella loro paradossalità logica e strumentalizzazione antimetafisica. L’interesse all’antichità si rivolge anche al contesto del “sacro”, percepito in senso non eminentemente soteriologico, ma ontologico, come orizzonte di immanenza ed eccedenza rispetto alle coordinate antropologiche, analisi che, attraversando il pensiero di Nietzsche, Fink e Heidegger, tenta di figurare il superamento dei sistemi di pensiero dicotomici. Tale panorama si evince dai suoi ultimi lavori legati al metaxy platonico, tra cui un saggio pubblicato nel luglio 2020 sulla rivista Kaiak. A philosophical journey, della quale da dicembre dello stesso anno è redattrice.