Editoriale

Editorial (english version)

 

Eraserhead 1  Fondali

La parte maledetta

di Jean Baudrillard (traduzione di Enrico Schirò)

 

Maledire la droga. Postfazione a Jean Baudrillard, La parte maledetta

di Enrico Schirò

 

 

Eraserhead 2  Correnti

Una follia artificiale. Foucault e la droga come esperienza di potere

di Eleonora de Conciliis

 

Il pharmakon, l'estrazione di dopamina e la società della dipendenza

di Gerald Moore (traduzione di Marco Pavanini)

 

Ascesi, estasi e dipendenza. Contributi a un'antropologia storico-mediale, a partire da Sloterdijk

di Marco Pavanini

 

Tra psicotropia e anestesia: l'estatico in Elvio Fachinelli

di Gioele P. Cima

 

Benjamin e il gioco dell'oppio

di Massimo Palma

 

Oltre-da-sé. Fenomenologia genetica e psicopatologia clinica del mondo dipendente

di Andrea Valdevit

 

Soggetti alle sostenze

di Vincenzo Cuomo

 

 

Eraserhead 4  Derive

Tossicomania personale. Voci da un dizionario intimo

di Pierluigi Vuillermin

 

Picari tossicomani. Note su Trainspotting I - II

di Giuseppe Russo

 

Lo sguardo alterato. Il cinema come allucinazione

di Daniele Dottorini

 

Le poème de la drogue

di Rolland Caignard

 

 

Eraserhead 5  Coste

Piero Camporesi, Il pane selvaggio, Il Saggiatore, Milano 2016 

Recensione di Eleonora de Conciliis

 

Allen Ginsberg, Le migliori menti della mia generazione. Lezioni sulla Beat Generation, a cura di B. Morgan, S. Barberis e L. Carra, Il Saggiatore, Milano 2019

Recensione di Giuseppe Russo

 

Gilbert Rouget, Musica e trance. I rapporti fra la musica e i fenomeni di possessione, nuove ed. it, Einaudi, Torino 2019

Recensione di Jean-Claude Léveque

 

 

Eraserhead 7  Paesaggi

Daniele Dottorini, La passione del reale. Il documentario o la creazione del mondo, MIMESIS, Milano 2018

Recensione di Giuseppe Russo

 

Il disgusto e la nausea

di Vincenzo Cuomo

 

Bruno Moroncini – Felice Ciro Papparo, Diffrazioni (due). La psicoanalisi fra Kultur e civilizzazione, Federico II University Press, Napoli 2018

Recensione di Vincenzo Cuomo

 

Peter Sloterdijk, Negare il mondo? Sullo spirito dell'India e la gnosi occidentale, a cura di Antonio Lucci, Inschibboleth, Roma 2019

Recensione di Marco Pavanini

 

Paolo Vignola, La funzione N. Sulla macchinazione filosofica in Gilles Deleuze, Orthotes, Napoli 2018

Recensione di Marco Pavanini

 

 

Corrono esattamente centocinquant’anni da quando le Memorie del sottosuolo hanno segnato l’ingresso del risentimento sulla scena letteraria: un oggetto filosofico ‘basso’, abietto, con cui Dostoevskij ha rielaborato in modo geniale l’antica metafora infera della psichicità. Se fu una gioia estrema quella provata da Nietzsche al vederne una traduzione francese (L’esprit souterrain) sugli scaffali di una libreria, se l’inizio del secondo capitolo del romanzo deve aver profondamente segnato la fantasia di Kafka (“ora voglio raccontarvi, signori... perché non ho saputo diventare nemmeno un insetto”), e se Freud pose in esergo all’Interpretazione dei sogni un verso virgiliano che sembra anticipare di molti secoli l’immaginario auto-analitico e tellurico dello scrittore russo (“Si flectere nequeo Superos, Acheronta movebo”), si può ben dire che le Memorie abbiano avuto un’influenza sotterranea sul pensiero novecentesco, attraverso il quale l’uomo del sottosuolo, con la sua impura e dubbiosa coscienza, è divenuto per noi un vero e proprio personaggio concettuale.

Ricordi dal sottosuolo. Un mondo invertito

di Rossella Bonito Oliva

 

"Pulvis es...". Breve viaggio nel sottosuolo del Cristianesimo

di Eleonora de Conciliis

Call For Paper per il n. 0 di Kaiak "Sottosuoli" (proroga dei termini)

Topics:

  • Metamorfosi del risentimento;
  • Metafore del sottosuolo (anche in campo letterario, musicale, cinematografico, teatrale);
  • Metodologia del sottosuolo: genealogia e geologia della morale;
  • Bestiario del sottosuolo;
  • Democrazia e passioni tristi
  • Spazi, arti e architetture del sottosuolo

Gli abstract, di max 1000 parole, dovranno essere inviati entro il 30 novembre 2014

Gli articoli, che verranno selezionati entro il 15 dicembre 2014, dovranno essere inviati entro il 31 gennaio 2015 per essere sottoposti a un processo di blind-peer review.