Code of Ethics

 

Kaiak. A Philosophical Journey aims to select and publish, through double-blind peer review, high quality original research in philosophy, with special consideration to its contemporary outcomes and its relationship with the arts and the sciences. The whole review and publication process should be thorough, objective and fair, and the published material should be entirely open source and free of charge for the Authors.

This Code of Ethics is based on COPE’s (Committee on Publication Ethics) Best Practice Guidelines and is designed to be a comprehensive policy for selection and publication ethics. For further information see publicationethics.org.

Editorial Board

Kaiak provides its Editorial Board with the possibility of reviewing and confirming the roles and responsibilities of editorial staff. Through constant email discussions and regular online meetings, board members are called to discuss their expectations and engagement. Adding new board members, stepping down existing board members and restructuring the Editorial Board is possible if at least three quarters of the actual board agree. Editors should exercise their tasks in an unbiased, prompt and sensitive manner. They should evaluate manuscripts relying on their scholarship only and operate without personal or ideological favouritism.

Originality

Submitted manuscripts should be original works only. Authors should not submit the same work, in whole or in part, to different places of publication at the same time, or at any time while the manuscript is under review at Kaiak. They also should not submit a manuscript describing substantially the same research to more than one place of publication, unless it is a resubmission of a manuscript rejected for or withdrawn from publication. The manuscripts should not have been previously published or accepted for publication elsewhere, either in whole or in part, even if in another language, unless this has previously been agreed with the Editorial Board. Authors should explicitly cite their own earlier works and ideas, as well as forthcoming works related to the same topic of research, even when these works or ideas are not quoted verbatim or paraphrased in the manuscript. If exact sentences or paragraphs appearing in another work by the Author are included in the manuscript, the material should be put in quotation marks and appropriately cited. Authors should avoid excessively citing their earlier works in order to inflate their citation count as well as any kind of self-citation that might compromise the double-blind peer review process.

Plagiarism and Self-plagiarism

The research presented in the manuscripts should be free of any plagiarism, falsification, fabrications or omission of significant material in all of their forms. Authors should explicitly cite works and ideas from others, regardless of whether these works or ideas are not quoted verbatim or paraphrased, or of whether these works are published, unpublished, or digitally available. As a general rule, Authors should avoid any possible conflict of interest regarding their submitted manuscripts. Kaiak reserves the right to evaluate issues of plagiarism, redundancy and conflict of interest on a case-by-case basis and eventually refuse the submitted manuscripts on this rationale. Authors have the ultimate responsibility for all the materials included in a manuscript submitted to Kaiak. If an Author discovers a significant error or inaccuracy in her work, it is the Author’s obligation to promptly notify the Editorial Board and cooperate to retract or correct the paper.

Double-Blind Peer Review

Kaiak follows a double-blind peer review process, whereby Authors do not know Reviewers and vice versa. Both Authors and Reviewers should respect the confidentiality of the review process and should not reveal themselves to each other. The manuscripts should not include any self-revealing information that would identify the Authors to the Reviewers. Only invited articles may not undergo double-blind peer review, but are anyway reviewed before publication by the Editorial Board. Reviewers should evaluate the manuscripts objectively, fairly and professionally, and avoid personal biases in their comments and judgments. Reviewers should explain and support their scholarly judgments adequately, i.e., they should provide sufficient rationale to the Authors to justify their recommendation to the Editorial Board. The Editorial Board should take steps to ensure the timely review of all manuscripts and respond promptly to inquiries from Authors about the status of a review. Authors should be prompt with their manuscript revisions. If not able to meet the given deadline, Authors should contact the Editorial Board as soon as possible to determine whether a deadline extension or withdrawal from the review process should be considered.

Authorship Policy

Authors should check their manuscripts for possible breaches of copyright law and secure the necessary permissions before submission, and should avoid anything in the manuscript that might be actionable, defaming or denigrating. All works published on Kaiak are under Creative Commons 4.0 license. In this spirit, third party are allowed to download, store, share and modify the works, also for commercial uses, under the condition of always quoting the original publication source, i.d., the Journal. Authors hold the intellectual property and authorship of their published articles. Kaiak will not ask for any exclusive right. Authors retain the right to reproduce, distribute, display and perform their works in respect of their research or teaching engagement.

Open Source

Kaiak is an entirely open source online journal. All the published material can be consulted, downloaded and stored for free. Kaiak will not charge any publication fee to the Authors. When submitting an article for evaluation, the Authors agree with this Code of Ethics, without the need of any further form of written agreement or notification.

 

Codice Etico

 

Kaiak. A Philosophical Journey intende selezionare e pubblicare, tramite double blind peer review, ricerche filosofiche di alta qualità, con particolare attenzione alle loro ricadute contemporanee e al loro rapporto con le arti e le scienze. L’intero processo di revisione e pubblicazione deve essere approfondito, obiettivo ed equo, e il materiale pubblicato deve essere completamente open source e gratuito per gli Autori.

Questo Codice Etico si basa sulle Best Practice Guidelines del COPE (Committee on Publication Ethics) ed è progettato per essere una policy globale per l’etica della selezione e della pubblicazione. Per ulteriori informazioni, si consulti publicationethics.org.

Comitato Editoriale

Kaiak offre al suo Comitato Editoriale la possibilità di rivedere e confermare i ruoli e le responsabilità della redazione. Attraverso continue discussioni via email e regolari riunioni online, i membri del consiglio sono chiamati a discutere le loro aspettative e il loro impegno. L’aggiunta di nuovi membri del comitato, le dimissioni di membri effettivi del comitato e la ristrutturazione del Comitato Editoriale è possibile se almeno tre quarti del consiglio effettivo è d’accordo. I redattori devono esercitare i loro compiti in modo imparziale, rapido e sensibile. Devono valutare i manoscritti basandosi solo sulla loro area di competenza e operare senza favoritismi personali o ideologici.

Originalità

I manoscritti inviati dagli Autori devono essere solo opere originali. Gli Autori non devono sottoporre la stessa opera, in tutto o in parte, a diversi luoghi di pubblicazione contemporaneamente, o in qualsiasi momento durante il processo di revisione del manoscritto da parte di Kaiak. Inoltre, gli Autori non devono presentare un manoscritto che descriva sostanzialmente la stessa ricerca a più di un luogo di pubblicazione, a meno che non si tratti di una nuova presentazione di un manoscritto rifiutato o ritirato dalla pubblicazione. I manoscritti non devono essere stati precedentemente pubblicati o accettati per la pubblicazione altrove, in tutto o in parte, anche se in un’altra lingua, a meno che ciò non sia stato precedentemente concordato con il Comitato Editoriale. Gli Autori devono citare esplicitamente le loro precedenti opere e idee, così come le prossime opere relative allo stesso argomento di ricerca, anche quando queste opere o idee non sono citate alla lettera o parafrasate nel manoscritto. Se nel manoscritto sono incluse frasi o paragrafi che appaiono esattamente in un’altra opera dell’Autore, il materiale deve essere racchiuso tra virgolette e citato in modo appropriato. Gli Autori devono evitare di citare eccessivamente le loro opere precedenti al fine di gonfiare il loro numero di citazioni così come qualsiasi tipo di autocitazione che potrebbe compromettere il processo di double blind peer review.

Plagio e auto-plagio

La ricerca presentata nei manoscritti deve essere priva di plagi, falsificazioni, fabbricazione o omissione di materiale significativo in qualsiasi forma. Gli Autori devono citare esplicitamente le opere e le idee altrui, indipendentemente dal fatto che queste opere o idee non siano citate alla lettera o parafrasate, o che queste opere siano pubblicate, inedite o disponibili digitalmente. Come regola generale, gli Autori devono evitare ogni possibile conflitto di interessi per quanto riguarda i loro manoscritti presentati. Kaiak si riserva il diritto di valutare le questioni riguardanti il plagio, la ridondanza e il conflitto di interessi caso per caso ed eventualmente rifiutare sulla base di questa logica i manoscritti presentati. Gli Autori hanno la responsabilità ultima su tutti i materiali inclusi nel manoscritto presentato a Kaiak. Se un Autore scopre un errore significativo o un’imprecisione nel suo lavoro, è suo dovere informare tempestivamente il Comitato Editoriale e cooperare per ritirare o correggere il documento.

Double blind peer review

Kaiak adotta un processo di double blind peer review, in cui gli Autori non conoscono i Revisori e viceversa. Sia gli Autori che i Revisori devono rispettare la riservatezza del processo di revisione e non devono rivelarsi reciprocamente. I manoscritti non devono includere alcuna informazione rivelativa che consenta ai Revisori di identificare gli Autori. Solo gli articoli su invito possono non essere sottoposti a double blind peer review, ma sono comunque esaminati prima della pubblicazione da parte del Comitato Editoriale. I Revisori devono valutare i manoscritti in modo obiettivo, equo e professionale ed evitare pregiudizi personali nei loro commenti e giudizi. I Revisori devono spiegare e sostenere adeguatamente i loro giudizi, cioè devono fornire agli Autori una motivazione sufficiente per giustificare le loro raccomandazioni al Comitato Editoriale. La redazione deve adottare misure per garantire la revisione tempestiva di tutti i manoscritti e rispondere prontamente alle richieste degli Autori sullo stato di una revisione. Gli Autori devono essere tempestivi con le loro revisioni del manoscritto. Qualora gli Autori non fossero grado di rispettare il termine stabilito, devono contattare il Comitato Editoriale il più presto possibile per determinare se deve essere presa in considerazione una proroga o un ritiro dal processo di revisione.

Politica dell’autorialità

Gli Autori devono controllare i loro manoscritti per eventuali violazioni della legge sul diritto d’autore e garantire le autorizzazioni necessarie prima della presentazione, e devono evitare che nel manoscritto sia contenuto alcunché di denigratorio, diffamante o perseguibile. Tutte le opere pubblicate su Kaiak sono sotto licenza Creative Commons 4.0. In questo spirito, a terzi è permesso scaricare, archiviare, condividere e modificare le opere, anche per usi commerciali, a condizione di citare sempre la fonte di pubblicazione originale, ossia la rivista. Gli Autori detengono la proprietà intellettuale e l’autorialità dei loro articoli pubblicati. Kaiak non chiederà alcun diritto esclusivo. Gli Autori conservano il diritto di riprodurre, distribuire ed esporre le loro opere in relazione alla loro ricerca o ai loro impegni didattici.

Open Source

Kaiak è una rivista online completamente open source. Tutto il materiale pubblicato può essere consultato, scaricato e archiviato gratuitamente. Kaiak non addebiterà alcun costo di pubblicazione agli Autori. Nell’inviare un articolo per la valutazione, gli Autori accettano questo Codice Etico, senza la necessità di ulteriori forme di accordo scritto o di notifica.

 

RIVISTA INDICIZZATA IN DOAJ

 

 

 

Accedi

 

NORME REDAZIONALI

 

Criteri di formattazione

I margini della pagina devono essere di 2,5 cm in alto, in basso, a destra e a sinistra.

Non inserire i numeri di pagina.

Il testo deve sempre essere giustificato.

Usare come font Calisto MT, corpo 12, interlinea singola.

Il titolo del saggio va in maiuscoletto, corpo 14, centrato.

Il testo deve essere diviso in paragrafi numerati ed eventualmente titolati; il titolo eventuale dovrà essere in corsivo, corpo 12.

Prima del primo paragrafo dovranno essere inseriti 5 spazi; dopo il suo titolo, 1 spazio; tra un paragrafo e l’altro, 2 spazi.

Dopo ogni punto a capo inserire un rientro a destra di 0,5 cm.

Usare l’inserimento automatico delle note argomentative a piè di pagina in ordine numerico crescente.

L’indicatore (in apice) delle note argomentative va sempre prima della punteggiatura.

Il testo delle note va in corpo 11, senza rientri.

Per le citazioni superiori alle 5 righe, staccare il brano citato di 1 riga in alto e 1 in basso; usare corpo 11, senza virgolette, rientrato di 0,5 cm a destra e sinistra.

Le citazioni inferiori alle 5 righe vanno tra virgolette basse («...»).

Per le citazioni all’interno di citazioni utilizzare le virgolette alte (“...”).

L’interruzione/omissione va segnalata con […].

Se si cita un testo traducendolo in italiano dalla lingua originaria è necessario segnalare tra parentesi (traduzione mia).

Per i titoli di opere e le enfasi utilizzare il corsivo.

Non utilizzare gli elenchi numerati o puntati automatici, ma procedere manualmente.

Non utilizzare tabulazioni o spaziature.

Oltre che al rispetto di tali norme, la pubblicazione del testo è subordinata anche all’assenza di refusi.

 

Editing guidelines

Page margins should be 2.5 cm on the right side, left side, bottom side and top side.

Do not insert page numbers.

Text should always be justified.

Use Calisto MT as a font, size 12, single-spaced.

The paper’s title should be in small caps, size 14, centered.

The paper should be divided into numbered and possibly titled subsections; possible titles should be in italics, size 12.

Before the first subsection, 5 blank lines should go; after a subsection title, 1 blank line; between two subsections, 2 blank lines.

Insert a first line indent of 0.5 cm after every new paragraph.

Use automatic, numerical order footnote insertion.

The footnote (superscript) should always go before punctuation.

Footnotes’ text should be size 11, without indents.

Quotations over 5 lines should have 1 blank line both above and below them; use size 11, without commas, with a 0.5 cm indentation on both the left and the right side.

Quotations under 5 lines should go in angle commas («...»).

Quotations within quotations should go in inverted commas (“...”).

Interruption/omission should be signaled with […].

When quoting a text translating it into English from its original language, put (author’s translation) in brackets right after it.

Use italics for works’ titles and emphasis.

Do not use automatic numbered or bullet lists, procede manually.

Do not use tabulations or spacings.

On top of being conformed to these guidelines, the publication of the text is also subject to the absence of typographical errors.

 

Criteri bibliografici

Per le citazioni e i dati bibliografici Kaiak utilizza il sistema APA (American Psychological Association), anche conosciuto come sistema autore-data. Tutti e solo i testi citati nell’elaborato devono essere inseriti alla fine del testo sotto la dicitura Riferimenti bibliografici, in ordine alfabetico secondo il cognome degli autori e, qualora si citino più opere dello stesso autore, in ordine numerico crescente secondo l’anno di pubblicazione. I contributi dello stesso autore pubblicati nello stesso anno vanno differenziati attraverso lettere in ordine alfabetico subito dopo l’indicazione dell’anno di pubblicazione ed elencati in ordine alfabetico secondo il titolo della pubblicazione.

Per maggiori informazioni, si veda https://libguides.murdoch.edu.au/APA/home).

All’interno del testo, le citazioni dirette e le parafrasi vanno segnalate tra parentesi tonde con il seguente schema:

Cognome autore – anno di pubblicazione – virgola – numero/i di pagina

Es. (Robertson 2018, 22-23)

 

Referencing guidelines

For quotations and referencing, Kaiak adopts the APA (American Psychological Association) system, also known as author-date system. All and only the works quoted within the paper should appear at its bottom in a Bibliographical References subsection, in alphabetical order according to the authors’ surname and, when quoting more than one work from the same author(s), in numerical ascending order according to the publication year.

Works from the same author(s) published in the same year should be differentiated with letters in alphabetical order right after the publication year, and should be listed in alphabetical order according to the works’ title.

For more information, please see https://libguides.murdoch.edu.au/APA/home).

Within text direct quotations and paraphrases should be referenced in round brackets according to the following schema:

Author’s surname – publication year – comma – page number(s)

Es. (Robertson 2018, 22-23)

 

1. Libri

1.1 Lo schema di base è il seguente:

Cognome dell’autore – virgola – nome puntato – data tra parentesi – punto – Titolo in corsivo con la prima lettera maiuscola – punto – città di pubblicazione – due punti – casa editrice – punto.

Es. Piana, G. (1979). Elementi di una dottrina dell’esperienza. Milano: II Saggiatore.

Alcune precisazioni

La casa editrice deve essere citata per esteso con le iniziali maiuscole, omettendo le indicazioni societarie e la parola “editore”, “publisher” e simili.

Il luogo di edizione va citato in lingua originale. Se vi sono due o più luoghi di edizione, si possono citare tutti separandoli con un trattino o è possibile citare solo il primo.

Spesso le città statunitensi sono seguite dalla abbreviazione dello stato cui appartengono (ML, NY, VA ecc.), in maiuscolo, per non generare confusione tra città con lo stesso nome.

Es. Cambridge, MA: Harvard University Press.

1.2 In caso di due autori, inserire una & tra i due nomi. Es. Dazzi, N. & De Coro, A. (2001). Psicologia dinamica. Le teorie cliniche. Roma-Bari: Laterza. Se gli autori sono più di due, indicare solo il primo seguito da “et al.”.

Es. Roeder, K. et al. (1967). Nerve cells and insect behavior. Cambridge, MA: Harvard University Press.

1.3 Se si tratta di pubblicazioni a cura di enti, istituti o università, l’ente si cita per intero e sempre per esteso al posto dell'autore. Tra l'ente e la data si mette un punto.

Es. University of Minnesota. (1985). Social Psychology. Minneapolis, MN: University of Minnesota Press.

1.4 Nel caso in cui si citino contributi tratti da libri “a cura di” o raccolte, se si cita una raccolta nella sua totalità, si considera il curatore come autore, con dicitura “a cura di” tra parentesi. Tale indicazione precede la data ed è separata da essa da un punto.

Es. Higgins, J. (a cura di). (1988). Psychology. New York: Norton.

Se invece si cita un singolo saggio all'interno di una raccolta, lo schema è il seguente:

Cognome – virgola – nome puntato – data tra parentesi – punto – titolo saggio in tondo – punto – In – nome puntato – cognome del curatore – (a cura di) – virgola – titolo in corsivo del libro – (numero di pagine separate da trattino) – punto – città di pubblicazione – due punti – casa editrice – punto.

Es. Bordi, S. (1995). II contributo di Selma Fraiberg. In E. Pelando (a cura di), Modelli di sviluppo in psicoanalisi (479-495). Milano: Raffaello Cortina.

Se i curatori sono due, sono uniti dalla & senza virgola. Se i curatori sono più di due, si indica solo il primo seguito da “et al.”.

1.5 Lavoro in corso di stampa: si aggiunge l’espressione “in corso di stampa” tra parentesi dopo il nome.

Es. Boniolo, G. (in corso di stampa). Il limite e il ribelle: Etica, naturalismo, darwinismo. Milano: Raffaello Cortina.

1.6 Citazioni da un dizionario o un’enciclopedia: se è individuabile il curatore o i curatori, si procede come un normale libro a cura di (Es. 1); altrimenti si pone il titolo in corsivo al posto dell’autore, inserendo un punto prima della data (Es. 2).

Es. 1 Sheehy, N. et al. (a cura di). (1997). Biographical dictionary of psychology. London: Routledge.

Es. 2 The American college dictionary. (1962). New York: Random House.

Nel caso in cui si citi una singola voce di dizionario o enciclopedia, se questa è firmata, si segue il seguente schema.

Es. Marhaba, S. (1982). Psicoanalisi. In Enciclopedia Garzanti di filosofia (740-742). Milano: Garzanti.

Se invece la voce non è firmata, il titolo della voce va al posto dell’autore.

Es. Psicodinamica. (1982). In Enciclopedia Garzanti di filosofia (742). Milano: Garzanti.

1.7 Due o più volumi: il numero romano del volume va racchiuso tra parentesi subito dopo il titolo.

Es. Foss, B. M. (a cura di). (1965). Determinants of infant behavior (III). London: Methuen.

Se i volumi sono stati pubblicati in date diverse, vanno indicate la prima e l’ultima, separate da un trattino.

Es. Wilson, J. G. & Fraser, F. C. (a cura di). (1977-1978). Handbook of teratology (I-IV). New York: Plenum Press.

 

2. Riviste e periodici

2.1 Lo schema di base è il seguente:

Cognome – virgola – nome puntato – data tra parentesi – punto – titolo dell’articolo in tondo – punto – nome della rivista in corsivo (senza “In”) – virgola – numero del volume in corsivo – virgola – numero di pagine – punto.

Es. Musatti, C. L. (1931). Forma e assimilazione. Archivio Italiano di Psicologia, 9, 61-156.

2.2 In caso di due autori, tra il primo e il secondo autore si usa la & commerciale. Oltre i due autori si indica solo il primo seguito da “et al.”.

Es. Rodin, J. & Ianis, I. L. (1979). The social power of health-care practitioners as agent of change. Journal of Social Issues, 35, 60-81.

2.3 Articolo in rivista con più fascicoli: si indica il numero del volume e il numero del fascicolo tra parentesi.

Es. Nicholson, I. A. M. (1997). Humanistic Psychology and intellectual identity: The “open” system of Gordin Allport. Journal of Humanistic Psychology, 37 (3), 61-79.

 

3. Traduzioni

Nel caso in cui si citi da una traduzione italiana di un contributo in altra lingua, si inserisce la dicitura “Trad. it. di” e si indica il nome (iniziale maiuscola puntata) e il cognome del traduttore.

Es. Bernet, R. et al. (1992). Edmund Husserl. Trad. it. di C. La Rocca. Bologna: II Mulino.

 

4. Inediti

4.1 Manoscritti: si fa seguire al titolo in corsivo l’espressione “Manoscritto Inedito”.

Es. Beebe, B. & Kronen, J. (1988). Mutual regulation of affective matching in mother-infant face-to-face play. Manoscritto inedito.

4.2 Ricerca inedita: in tondo e tra parentesi quadre si inserisce la descrizione dei dati, seguita dall’espressione “ricerca inedita”.

Es. Bianchi, A. (1999). [Validity study on CCRT method]. Ricerca inedita.

4.3 Tesi di laurea o dottorato inedita

Es. Parker, J. D. A. (1991). In search of the person: The historical development of American personality psychology. Tesi di dottorato inedita, York University, Toronto, Canada.

4.4 Lavoro inedito presentato ad un congresso: si segue il seguente schema, inserendo l’espressione “lavoro presentato al”.

Es. Fung H. H. T. (1995). Becoming a moral child. The role of shame in the socialization of young Chinese children. Lavoro presentato al Meeting of the Society for Research in Child Development, Indianapolis, IN.

 

5. Internet e multimedia

5.1 Lo schema di base relativo alla citazione di un articolo di rivista reperito su un sito web è il seguente:

Cognome – virgola – nome puntato – data tra parentesi – punto – titolo articolo in tondo – punto – nome rivista in corsivo – virgola – numero volume in tondo – numeri pagina – virgola – URL completo senza punto finale.

Es. Nicolas, S. (2000). L'école de La Salpêtrière en 1885. Psychologie et Histoire, 1, 165- 207, http://lpe.psycho.univ-paris5.fr/membres/Nicolas(3).htm

5.2 Citazione di un intero sito web: è sufficiente indicarlo tra parentesi all’interno del testo, senza includerlo nella bibliografia finale.

 

6. Precisazioni ulteriori

Nei testi con più autori, segnalare sempre il curatore, anche se si tratta di traduzioni.

Nel caso in cui sia necessario specificare l’anno della prima uscita del testo, che però è citato da edizione successiva, farlo in una nota a piè di pagina all’interno del testo.